21/giu/2017

Solstizio d’estate con i solari Sun Kiss.

Oggi è il solstizio d’estate, il giorno più lungo nel nostro emisfero: l’occasione giusta per celebrare questo prezioso dono della Natura, che apporta benefici alla salute e all’umore, contribuendo alla nostra bellezza grazie ai suoi raggi che ci abbronzano, conferendoci un aspetto sano.

Chi ha la fortuna di essere già in vacanza potrà approfittarne per godere al massimo di una bella giornata all’aria aperta. A tutti gli altri consigliamo di festeggiarlo almeno con il saluto al sole della tradizione yoga, visto che oggi ricorre anche la Giornata Internazionale dello Yoga, proclamata nel 2014 dall’Assemblea delle Nazioni Unite, allo scopo di sensibilizzare le popolazione mondiale e informarla sui numerosi benefici che questa disciplina apporta alla salute. Il tema del 2017 è proprio «Lo yoga per la salute» e mette l’accento sugli effetti benefici di questa pratica, che equilibra corpo e spirito, influenzando positivamente non solo la persona che ne ha fatto una consuetudine, ma anche le persone che la circondano, con ripercussioni sempre più ampie sulle cerchie di famigliari, amici, sugli stili di vita e, di conseguenza, sullo viluppo sostenibile in armonia con la Natura.

Più ore di sole quindi, ma ricordando di proteggersi. I solari SUN KISS proteggono la pelle dai raggi solari e ne hanno la massima cura. Infatti offrono all'epidermide la giusta idratazione, sono resistenti all'acqua e hanno uno schermo combinato anti UVA/UVB con vitamina E.

Il sole a tutti i costi. Ma a che prezzo?
Negli ultimi decenni le nostre abitudini si sono modificate in tutti gli ambiti e i settori: incremento dei giorni di vacanza, accanita ricerca delle destinazioni assolate, sviluppo degli sport all’aria aperta e culto dell’abbronzatura hanno aumentato e modificato il nostro “consumo” di sole.

Il sole è certamente fondamentale per la vita e per l’equilibrio psicologico, favorisce le nostre attività e stimola la produzione di vitamina D, indispensabile per la crescita dei bambini. Tuttavia la quantità di raggi UVA (UltraVioletti) necessari per il nostro equilibrio biologico è ampiamente inferiore a quella a cui ci esponiamo abitualmente. I bagni di sole prolungati e le attività all’aria aperta senza adeguata protezione possono scatenare gravi affezioni. Bisogna quindi apprendere a dosare il sole in funzione della pelle. Scottature, allergie, insolazioni, disturbi agli occhi: una scorretta ed eccessiva esposizione al sole può causare spiacevoli sorprese. Per godere dei benefici del sole ci sono alcuni semplici principi che si devono rispettare e alcuni pregiudizi da sfatare.

L’abbronzatura è una reazione naturale della pelle: il sole innesca la produzione di melanina, causando il fenomeno della pigmentazione (o abbronzatura). In caso di esposizione prolungata o eccessiva, la pelle non si può difendere dai danni causati dalle dosi massicce di raggi UV alle quali è sottoposta e appaiono quindi le scottature, in alcuni individui particolarmente sensibili anche le reazioni cutanee allergiche e i disturbi oculari. L'eccessiva esposizione al sole causa l’ispessimento della pelle, la comparsa di rughe, macchie scure antiestetiche e, purtroppo, a volte, anche il cancro.

Sfatiamo alcune idee preconcette e infondate sull’abbronzatura.

Purtroppo vi sono anche parecchi pregiudizi e idee errate sull’abbronzatura, che vogliamo qui cominciare a correggere.

1. Le scottature sono la prima fase dell’abbronzatura.
FALSO
La scottatura, anche lieve, provoca, oltre al dolore, l’ispessimento della pelle. In caso di scottature con bruciore e vesciche, la pelle si “spella”, lasciando il posto a un nuovo tessuto più fragile, pronto a scottarsi nuovamente, instaurando un circolo vizioso.

2. Con un prodotto a basso indice di protezione ci si abbronza meglio.
VERO

se si ha una pelle che tende ad abbronzarsi. Ma chi ha la pelle chiara o delicata rischia più facilmente la scottatura e i conseguenti danni.

3. Chiunque si può abbronzare, a condizione di usare la protezione.
FALSO

Alcuni individui, come le rosse, producono poca melanina o addirittura nessun pigmento scuro, per cui l’abbronzatura non può comparire.

4. Il sole favorisce il trattamento di alcuni stati patologici, come il rachitismo, i dolori articolari, le affezioni dermatologiche.
VERO per il rachitismo, ma sono sufficienti 10 minuti di esposizione al giorno; per la psoriasi, in combinazione con altri trattamenti; per l’eczema.
FALSO per l’acne e i dolori articolari, dei quali è meglio trattare la causa, benché il calore possa indurre una sensazione di miglioramento.

5. Le sessioni di Solarium preparano la pelle al sole.
FALSO
Il Solarium sottopone la pelle a dosi di raggi UVA fino a dieci volte più potenti di quelle emesse dal sole. Anche se raramente questi raggi causano scottature, non per questo esercitano un effetto meno dannoso: invecchiamento precoce della pelle e aumento del rischio di cancro della pelle.

6. Gli acceleratori di abbronzatura o gli autoabbronzanti preparano la pelle all’esposizione al sole.
FALSO
I prodotti autoabbronzanti non forniscono alcuna protezione durante l'esposizione al sole, perché spesso sono composti da semplici coloranti (caroteni).
La protezione combinata UVA/UVB, garantita dai solari SUN KISS è importante perché permette di schermare la pelle sia dai raggi UVB a onde corte sia dai raggi UVA che penetrano più in profondità nell'epidermide, prevenendo scottature e invecchiamento cutaneo. I raggi UVA e UVB hanno un’azione diversa: i primi stimolano l'ossidazione della melanina che aumenta temporaneamente la pigmentazione della pelle e, ad alte dosi, provocano l’invecchiamento precoce della pelle (rughe). Anche gli UVB stimolano la produzione di melanina, ma in modo più lento degli UVA. Provocano scottature e causano invecchiamento precoce della pelle (macchie pigmentate), in caso di esposizione eccessiva. Entrambi possono causare il cancro della pelle.

Se vuoi saperne di più sui prodotti solari SUN KISS clicca qui: http://www.despar.it/it/ultimissime