12/lug/2017

SCOTTY: il cibo amico dei cani

Il più probabile candidato come antenato del cane pare sia un piccolo lupo estinto, ritrovato in Cina e in Mongolia, definito Canis variabilis e conosciuto come il lupo Zhoukoudian. Per le sue caratteristiche cranio-dentali alcuni paleontologi hanno proposto una relazione lontana con il cane domestico. Nel sito, i resti del piccolo lupo erano in prossimità di quelli dell’Homo erectus pekinensis o di Pechino, in strati che risalgono a 500.000-200.000 anni a.C., a testimonianza di una relazione antica e consolidata da pratiche di caccia e vita in comune, che si è evoluta nei millenni e nei secoli. Al giorno d’oggi il cane condivide con noi spazi e affetti. Ci sta accanto nella buona e nella cattiva sorte, ci ama incondizionatamente e sovente il suo scondinzolìo festoso alleggerisce momenti di tensione o fatica. Sempre più persone apprezzano la sua compagnia e i benefici effetti sull’umore che la presenza di un cucciolo o di un cane in famiglia può apportare. Definito il miglior amico dell’uomo per la sua fedeltà merita riconoscenza e gratitudine, che i proprietari di animali cercano di esprimere anche attravero le cure, il nutrimento e l’accudimento. Despar ha studiato SCOTTY, il marchio esclusivo di alimenti per cani, proprio per aiutarti a nutrire il tuo cane con ingredienti della più alta qualità, mantenendo un equilibrio qualità/prezzo, vantaggioso per la tua economia famigliare.

La salute nella ciotola
Gli alimenti SCOTTY forniscono una sana energia con la giusta quantità di vitamine A, D3, E, prevedendo diverse ricette (manzo, pollo, fegato, trippa, eccetera) e confezioni di differenti dimensioni per offrire al tuo cane un menù sempre nuovo e nella giusta quantità. Il cibo per animali permette ormai, non solo di preservare la loro salute, ma anche di evitare o ritardare le alterazioni che possono nuocere al loro benessere, quali l’invecchiamento precoce, l’aumento di peso, le difficoltà digestive o articolari. I nostri animali domestici, infatti, risentono spesso, purtroppo, di una vita sedentaria, con scarso spazio adeguato al movimento quotidiano. Un menù vario ed equilibrato dà grinta e salute al tuo cane: cibo secco e umido, succulenti stick e squisiti snack per premiarlo quando lo merita o per favorire l’igiene dei suoi denti. Gli snack da masticare sono un complemento molto importante nell’alimentazione del cane e contribuiscono a stabilire, migliorare e consolidare la relazione tra cane e padrone.

Alimento secco o umido?
I progressi nutrizionali nel campo del cibo per animali hanno riguardato, prima di tutto, gli alimenti secchi per cani e poi per gatti. Le crocchette sono cucinate tramite un processo di estrusione che migliora la loro digeribilità. Questo tipo di alimento permette anche una distribuzione equamente ripartita nell’arco della giornata, al punto da poter lasciare il cibo a disposizione perché gli animali se ne servano a loro piacimento (nel caso di cani e gatti non troppo ingordi). Si possono modellare a piacimento, ad esempio a forma di mandorla, più facile da inghiottire per alcune razze dal muso appiattito. L’alimento umido è comunque fondamentale per una dieta equilibrata e sana, in quanto, grazie ad adeguati processi di sterilizzazione, mantiene livelli molto elevati di nutrienti. Entrambi gli alimenti sono quindi consigliabili. Il cibo umido va abbinato al secco o mescolato insieme, perché non essendo un alimento completo deve essere integrato con le crocchette per fornire le sostanze nutritive giornaliere essenziali. Un vantaggio del cibo umido rispetto al secco è che difficilmente avanza e qualora avanzasse, può essere conservato per qualche giorno in frigorifero, senza perdere l'originale freschezza e appetibilità. Per evitare gli sprechi, SCOTTY propone scatolette e vaschette di umido di vari pesi e dimensioni, in modo da permettervi di scegliere la quantità adeguata alla taglia e all’appetito del vostro cane.

La crocchetta ha quasi cent’anni
Pare che la crocchetta originale sia nata nel Regno Unito, intorno al 1850, grazie a un certo signor Spratt. Inizialmente era destinata proprio ai cani e somigliava a un biscotto, composto da cereali, sangue e verdura. A partire da questo primo alimento, numerose aziende si cimentarono nel creare nuovi prodotti, scatolette di umido e le prime razioni per gatti e gattini. Circa un secolo dopo l’invenzione di Spratt, Purina inventa la prima vera crocchetta estrusa e nasce un mercato colossale, che ha continuato a espandersi fino ad oggi. Le aziende aumentano il volume d’affari, incrementando sempre più la pubblicità, vantando i meriti dei loro prodotti, mettendo in guardia i proprietari che ancora nutrono i loro animali con gli avanzi di casa, informandoli sull’importanza di un’alimentazione equilibrata e, soprattutto, adatta agli animali. Spesso, infatti, anche se i nostri amici a quattro zampe dimostrano di gradire molto alcuni cibi che offriamo loro, possono essere intolleranti ad alcune sostanze, che per il loro metabolismo si possono rivelare addirittura tossiche, come il cioccolato.

Cioccolato velenoso per i cani?
Ebbene sì, anche se gli effetti indesiderati dipendono dal tipo di cioccolato, dalla dimensione del cane e dalla quantità consumata. La componente tossica per il cane, presente nel cioccolato, è la teobromina. A differenza degli umani i cani metabolizzano la teobromina molto più lentamente: un cane di grossa taglia ne potrà consumare una quantità maggiore rispetto a un cagnolino, prima di presentare disturbi. La maggior concentrazione di teobromina si trova nel cacao, nel cioccolato e nel cioccolato fondente, mentre il cioccolato al latte e il cioccolato bianco ne presentano quantitativi modesti. Anche solo una piccola quantità di cioccolato fondente può avvelenare un cane data l'alta quantità di teobromina contenuta; appena 25 grammi sono sufficienti ad avvelenare un cane di 20 chili. Non è comunque il caso di diventare ansiosi: se il cane avrà gioiosamente condiviso con voi un pezzetto di cioccolatino forse non noterete alcun sintomo.

Il bio per animali vale la pena?
L’alimentazione per animali è di fatto lo specchio delle tendenze dell’alimentazione umana e ingloba perciò molti prodotti definiti “naturali” e privi di cereali. Il consumo di prodotti bio, sia per l’uomo che per gli animali, corrisponde maggiormente a criteri etici, ambientali e alla volontà di rispettare il benessere animale, piuttosto che a reali esigenze nutrizionali. La qualità e provenienza sicura delle materie prime sono comunque la costante priorità, che ci guida a scegliere i produttori rispettosi dell’ambiente e della salute umana e animale.

Per saperne di più sui deliziosi prodotti della linea SCOTTY, dedicati al tuo fedele quattro zampe, clicca qui: www.despar.it/it/ultimissime