15/nov/2017

PASSO DOPO PASSO: dalla fattoria alla tavola.

Siamo nel pieno dell’autunno, una stagione in cui la Natura, anche se si prepara al ritiro invernale, produce ottimi frutti. Nella tradizione contadina si trovano molti piatti a base di frutta e verdura autunnale: dalla zucca, al radicchio, alla verza, alle pere e mele, all’uva. In alcune regioni italiane viene addirittura utilizzato il mosto per condire la pasta, ma sarà la nostra fantasia ad aiutarci a creare e immaginare sempre nuove appetitose combinazioni. L’importante però è sapere da dove provengono la frutta e la verdura che acquistiamo.

Passo Dopo Passo Despar è la linea di prodotti che, grazie a un rigoroso controllo di filiera ti permette di conoscere da dove vengono carne, pesce, frutta e verdura. Il principio ispiratore è quello di un’unica linea ideale che unisce la fattoria alla tavola.

PASSO DOPO PASSO frutta e verdura, di stagione, arrivano da te.
“Despar utilizza diverse tipologie di fornitori: ci sono partner che controllano direttamente tutta la filiera di produzione, dal campo alla lavorazione, fino alla vendita, oppure trattiamo direttamente con diverse organizzazioni di produttori che raccolgono i prodotti dei loro associati, preparandoli poi per la vendita. Abbiamo inoltre aziende che commercializzano i raccolti diretti o da una o più organizzazioni di produttori." [Fonte: intervista a Tiziano Bonifazi, Product Manager Fresh Food di Despar Italia, 2013]. Ormai da parecchi anni l'offerta ortofrutta del marchio PASSO DOPO PASSO è composta prevalentemente da prodotti italiani (banane escluse), scelti in aree di produzione contigue a quelle di distribuzione, in modo da seguire la linea dell’Ecorispetto, riducendo l’emissione di gas di scarico per il trasporto su strada; frutta e verdura sono spesso vendute sfuse, per ridurre l'impatto dello scarto di confezioni in plastica o in rete, o su vassoi in cartone biodegradabile,mentre per trasportarle si impiegano per la maggior parte cassette di plastica riutilizzabili. Le aziende agricole selezionate sono quelle che utilizzano piante e sementi delle zone tipiche a maggior vocazione, non usano prodotti chimici e antiparassitari, preferendo metodi a minor impatto ambientale, come la “lotta integrata”. Controlli costanti in tutte le fasi, dalla semina al confezionamento, e verifiche accurate in campo, in laboratorio e nei centri di distribuzione sono la condizione per poter apporre il marchio PASSO DOPO PASSO. La massima sicurezza e qualità di freschezza sono garantite da consegne quotidiane, in cui il freddo è l’unico conservante.

PASSO DOPO PASSO la buona frutta dell’autunno.
I frutti sono stati di sicuro i primi alimenti degli esseri umani. Alcuni botanici classificano come frutti anche alcune verdure e legumi (pomodori, zucchine, piselli, melanzane), in ogni caso i loro elementi nutritivi naturali li rendono essenziali e indispensabili per mantenere il nostro organismo in equilibrio e buona salute. In genere li consumiamo al naturale, a fine pasto, ma la buona pratica di mangiarne anche lontano dai pasti, a colazione, merenda o per veloci spuntini, in modo da evitare fermentazione in fase digestiva, sta prendendo piede. Altra buona abitudine è quella di consumare frutta e verdura di stagione, al giusto punto di maturazione.

La frutta possiede numerose qualità nutritive: è fonte di liquidi (è composta dal 70 al 90% di acqua); di minerali e di oligoelementi, soprattutto calcio, potassio, ferro e magnesio; di vitamine C, B9 (acido folico) e dei precursori della vitamina A; di fibre, che favoriscono il transito intestinale e apportano benefici all’assorbimento di zuccheri e grassi; infine è, in genere, poco calorica. E’ proprio per il loro tenore di zuccheri che si differenziano tra loro: alcuni frutti estivi (cocomero, fragole, lamponi, melone) sono poveri di zuccheri; la mela, l’ananas, la pesca, l’arancia, la ciliegia, la prugna ne contengono tra il 10 e il 15%, mentre i più ricchi di zuccheri sono, oltre alla banana, l’uva e il fico.

Nella linea PASSO DOPO PASSO trovi cachi loti, melograno, uva, mele fuji, gala, golden, granny e red delicious, pere abate, kaiser, william rosse e bianche, tutte coltivate in Italia.

L’uva è, con il caco e le castagne, uno dei frutti caratteristici dell’autunno. Oltre a essere uno dei più ricchi di zuccheri, contiene numerosi minerali (potassio e fosforo) e oligoelementi (ad esempio il rame), vitamine del gruppo B (soprattutto l’uva nera) e un po’ di vitamina C, ma soprattutto i polifenoli, dei composti antiossidanti che aiutano le nostre cellule a contrastare l’invecchiamento. Sono i famosi tannini dell’uva, presenti anche nei vini. L’uva possiede virtù diuretiche ed è consigliata per un regime detox di qualche giorno, che serve a ripulire l’organismo, preparandolo all’inverno.

Il caco, oltre a essere delizioso e altamente energetico, è un altro frutto ricco di minerali (soprattutto potassio e fosforo, seguiti da piccole quantità di magnesio e sodio e vari oligoelementi, ferro, rame, zinco, manganese).

E che dire del melograno? Sembra che aiuti a prevenire vari disturbi e a migliorare la circolazione del sangue. Grazie alla sua ricchezza in vitamine, in particolare la B5, B6, C ed E che procurano energia e molti altri effetti positivi sul benessere psicofisico, è un frutto benefico.

La pera è un frutto rinfrescante e ricco di vitamine A e B, minerali e oligoelementi, tra cui il potassio che ci protegge da artrite e reumatismi. Mangiata a digiuno e ben masticata è facilmente digeribile e aiuta la produzione di succhi gastrici, stabilizzando l’azione dell’intestino, contribuendo a ricostituire la flora intestinale. Costituita all’84% d’acqua è l’ideale nelle diete e la sua azione depurativa la rende preziosa in caso di acne, eczemi e problemi della pelle.

“Una mela al giorno toglie il medico di torno” così recita il noto proverbio e, se andiamo ad analizzare le caratteristiche e i vantaggi di questo frutto semplice e, spesso, non abbastanza stimato, ci possiamo rendere conto delle ragioni di questo motto. La mela, composta all’85% da acqua possiede doti rigeneratrici e rinfrescanti. Non è solo diuretica e lassativa, ma aiuta anche a eliminare gli zuccheri in eccesso dal sangue e dal colesterolo, grazie alla pectina. Agisce efficacemente sulle nostre fibre nervose e il suo potere antiossidante contribuisce a contrastare l’ipertensione. Alcuni studi stanno verificando come il tannino della mela riesca a calmare i disturbi da colon irritabile. Come l’uva, anche la mela è uno dei frutti più benefici: ricca di vitamine C (5g/100g), di fibre, di pectine, ma per mantenere integre le sue qualità è consigliabile non sbucciarla, in quanto la sua buccia contiene da 4 a 5 volte più vitamine della polpa. Per chi avesse problemi a deglutirla, la soluzione sono gli estratti o i centrifugati, dopo averla lavata accuratamente.

Se vuoi avere maggiori informazioni sui nuovi prodotti a filiera controllata che PASSO DOPO PASSO seleziona per te, clicca qui: www.despar.it/it/ultimissime