26/ott/2016

Una bella storia al femminile: la produzione del Burro di Karité.

Manteniamo la promessa fatta nel precedente articolo e raccontiamo qui la bella storia di ECORISPETTO di uno dei preziosi ingredienti naturali, contenuti nei prodotti Verde Vera: il Burro di Karité.

Il Burro di Karité viene estratto dai frutti dell’albero di Karité ed è la principale materia grassa disponibile nelle povere zone rurali di produzione, la fascia sub sahariana dell’Africa Occidentale: Mali, Burkina Faso, Nigeria, Benin, Togo, Ghana, Costa d’Avorio. Lo si usa in abbondanza anche in città per uso alimentare, produzione di sapone, nella medicina tradizionale, per la produzione di cosmetici e come combustibile nelle lampade a olio. Nei paesi industrializzati si utilizza in pasticceria, cosmetica e farmacia e viene importato dai grandi centri urbani e porti commerciali africani.

L’albero del karité produce un frutto composto di polpa e di una noce; quest’ultima contiene la mandorla da cui si estrae la materia grassa che serve per la fabbricazione del Burro di Karité. Da giugno a settembre le donne raccolgono i frutti ai piedi degli alberi, li spolpano e li puliscono. Una volta bollite, le noci sono decorticate e le mandorle essiccate al sole, quindi schiacciate in un mortaio fino a ottenere una pasta bruna, che viene trattata manualmente con dell’acqua per estrarne il grasso, poi filtrato e ispessito per ottenere il burro.

Mama Africa e la cura del corpo.
Da centinaia d’anni in Africa le mamme riscaldano nel cavo della mano il burro di karité e lo spalmano amorevolmente sulla pelle dei loro bambini, per evitare screpolature e ferite che, soprattutto sui piedi nudi, possono infettare e diventare pericoli mortali. Le donne lo usano come principale elemento di benessere e bellezza: la semplice bellezza di una pelle sana, morbida, elastica e idratata.

La produzione del Burro di Karité a livello locale è un mestiere prettamente femminile, percepito non come un lavoro che si apprende, bensì come una tradizione tramandata di madre in figlia, di generazione in generazione. Questa sua caratteristica riunisce due aspetti interessanti: da un lato la grande competenza e professionalità, l’attitudine fisica verso un lavoro impegnativo e faticoso e la grande pazienza; dall’altro l’aura di sacralità assunta da questo segreto della bellezza femminile e della cura famigliare.

La svolta verde della Bellezza.
In questi ultimi anni i consumatori hanno sviluppato maggiore attenzione e un autentico interesse verso i prodotti equo-solidali ed ecologici. La produzione biologica risponde alle crescenti preoccupazioni delle persone relativamente alla cura della salute, alla protezione dell’ambiente e allo sviluppo sostenibile; l’industria della cosmetica è al terzo posto dopo quella alimentare e dell’abbigliamento, nella svolta verso i prodotti “verdi”. Oltre alle legittime ragioni personali e ambientali, che spingono il pubblico a scegliere l’ECORISPETTO, si colloca il Commercio Equo-Solidale, che mira al miglioramento delle condizioni di vita dei produttori locali, garantendo relazioni commerciali solide tra i vari attori coinvolti. Nel caso della produzione del Burro di Karité si tratta, oltre che di stabilire rapporti equi tra importatori, produttori e distributori, anche e soprattutto di offrire alle donne produttrici un prezzo stabile e più elevato rispetto a quello del mercato convenzionale, grazie alla notevole crescita del mercato dei prodotti certificati equo-solidali, in cui la tendenza dimostra, per esempio, che il 48% dei consumatori nord americani si dice disponibile a pagare un prezzo più caro per un prodotto cosmetico certificato equo-solidale. [Fonte: Léger Marketing]

Sono le donne il cuore pulsante della produzione del Karité.
Secondo i dati del Centre d’étude et de coopération internationale www.ceci.ca/karite ancora oggi, in Africa, solo una minima parte delle mandorle raccolte viene lavorata in loco: la maggioranza (95%) viene esportata in Europa sotto forma di mandorle grezze, dove viene trasformata industrialmente, riconoscendo il minimo valore al lavoro delle donne africane. Per questo motivo, grazie al sostegno della cooperazione internazionale, le donne dei centri rurali si organizzano in cooperative per contribuire allo sviluppo economico delle loro comunità. L’accesso ad attrezzature e installazioni collettive permette di produrre una maggior quantità di Burro di Karité; la formazione nella gestione e nelle nuove tecnologie aiuta le produttrici ad accedere al mercato internazionale, migliorando la varietà dei prodotti e garantendone la qualità, grazie ad analisi di laboratorio, fornite ai clienti internazionali.

I benefici dell’ECORISPETTO.
La Responsabilità Sociale d’Impresa e il principio dell’ECORISPETTO hanno come logica conseguenza una maggiore attenzione verso la ricerca di ingredienti equo-solidali e biologici, per dimostrare nei fatti l’impegno sociale e ambientale.

Il Burro di Karité prodotto dalle comunità rurali femminili conserva intatte le sue proprietà, perché fabbricato secondo antiche ricette tradizionali e permette quindi di tutelare la salute dei consumatori, offendo loro un prodotto naturale senza additivi chimici; di contribuire a ridurre la povertà delle donne africane, riconoscendo valore al loro lavoro; di proteggere l’ambiente, incoraggiando le produzioni biologiche.

Per saperne di più sulla storia dei cosmetici Verde Vera e sui principi dell’ECORISPETTO continua a seguirci e clicca qui:http://verdevera.despar.it/