22/apr/2016

22 aprile: Giornata Mondiale della Terra

Il suo fondatore fu il senatore Gaylord Nelson, che incoraggiò gli studenti ad avviare dei progetti di sensibilizzazione ambientale nelle loro comunità. Oggigiorno la Giornata Mondiale della Terra è festeggiata in tutto il mondo da più di 500 milioni di persone in 184 paesi. Quest’anno coincide anche con la firma dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, che verrà sottoscritto presso la sede delle Nazioni Unite a New York. Con tale accordo, adottato dall’insieme dei 196 paesi presenti alla Convenzione sui cambiamenti climatici, in occasione della COP21 a Parigi, il 12 dicembre 2015, tutti gli Stati si impegnano, in considerazione della gravità della situazione, a operare per limitare l’innalzamento globale delle temperature oltre i 2°C.

Festeggiare Madre Terra…
L’espressione Madre Terra è abitualmente usata in numerosi paesi o regioni ed esprime l’interdipendenza fra gli esseri umani, le altre specie viventi e questo pianeta che tutti condividiamo. La Giornata Mondiale della Terra, giunta al suo 46esimo anniversario, punta a festeggiare il 50esimo con una conquista importante: piantare 7,8 miliardi di alberi nei prossimi 5 anni.
…con miliardi di alberi

Perché gli alberi?
Perché aiutano la lotta contro i cambiamenti climatici, assorbendo dall’atmosfera la CO2 in eccesso. In un anno un ettaro di alberi adulti assorbe l’equivalente delle emissioni di anidride carbonica prodotte da un auto che percorre una distanza di 80.000 chilometri. Gli alberi contribuiscono a filtrare e migliorare l’aria che respiriamo, assorbono odori sgradevoli e gas inquinanti (ossido d’azoto, ammoniaca, diossido di zolfo e ozono), filtrando le molecole dell’aria grazie alle loro foglie e alla loro corteccia. Ci aiutano a salvaguardare le specie in estinzione e, piantando gli alberi adatti a ciascun ambiente naturale possiamo creare l’habitat accogliente per animali ed esseri umani. Gli alberi aiutano le comunità fornendo mezzi di sussistenza e permettendo di raggiungere la stabilità economica e ambientale, grazie alla fornitura di cibo, energia e guadagni ricavati dalla vendita di frutti e legname.

Madre Terra e i suoi alchimisti
Quando parliamo di “Nuova Alchimia” ci riferiamo a processi naturali e virtuosi, antichi come il mondo: la fotosintesi clorofilliana, tramite la quale le piante trasformano l’anidride carbonica, rilasciando ossigeno, grazie all’energia del sole, ne è uno dei migliori esempi.
Fin dai tempi più remoti, le antiche civiltà matriarcali affidavano alla Terra i corpi dei defunti, inumati in posizione fetale, per indicare, appunto, il ritorno alla Madre. La sua funzione sacra e trasformatrice era evidente ai nostri antenati: Madre Terra accoglieva e trasformava le sementi in frutti, inglobava i rifiuti organici e li tramutava in concime e nuova terra per la semina. Tutti gli elementi naturali contribuivano in armonia a mantenere l’equilibrio: fiumi, sorgenti d’acqua, laghi e mari, piante e animali. Il perfetto ecosistema si è retto per millenni sull’alchimia delicata che trasforma ogni forma di energia in altra forma, senza nulla distruggere o danneggiare, se non per dare vita a nuove forme di esistenza. Per millenni gli uomini hanno onorato e celebrato Madre Terra, rispettandola, ma negli ultimi decenni l’effetto dell’uomo sul pianeta è diventato insostenibile. Il 30 marzo 2005 l'Unesco ha pubblicato la prima terrificante valutazione dell’impatto ambientale umano: le nostre attività hanno modificato gli ecosistemi per soddisfare la domanda crescente di cibo, di acqua dolce, di legno, di fibre e di energia, causando un degrado irreversibile. Gli effetti delle nostre scelte irresponsabili degli ultimi 50 anni sono il surriscaldamento globale, l’impoverimento della biodiversità, lo sfruttamento sregolato delle risorse naturali, l’incremento del volume dei rifiuti, l’eccessivo uso di prodotti chimici.

Gemma Verde è buona con la Terra
“Sarò buono con la Terra” recita lo slogan di un importante portale di informazione sui temi dell’ECORISPETTO. Con fierezza possiamo affermare che di sicuro Gemma Verde è buona con la Terra e la Natura. Prendiamo ad esempio i 5 effetti devastanti delle scorrette scelte in materia di ambiente e vediamo, punto per punto, cosa stiamo facendo.

1. Surriscaldamento globale. Abbiamo ridotto le percorrenze del trasporto merci e materie prime a un raggio di non più di 30 chilometri, riducendo le emissioni di CO2.

2. Impoverimento della biodiversità. Usiamo solo materie prime vegetali da fonti naturali rinnovabili.

3. Sfruttamento sregolato delle risorse naturali. Le risorse naturali da cui provengono gli ingredienti di Gemma Verde sono rinnovabili e reintegrate.

4. Incremento del volume dei rifiuti. I nostri contenitori sono in plastica riciclata al 100%, con forme pensate per ottimizzare lo spazio, in modo da ridurre anche il numero di cartoni da imballaggio.

5. Eccessivo uso di prodotti chimici. Gemma Verde è concentrata ed efficace e non contiene fosfati, sbiancanti ottici, allergeni, né ingredienti nocivi per la salute.

Continua a seguirci per saperne di più sui prodotti e gioca con noi
http://www.lamiacasaelanatura.it/